contatti lingua
STUDIO TECNICO
PROFESSIONALE

STUDIO TECNICO
PROFESSIONALE

GIOVANNI
BALDUCCI

INGEGNERE EDILE

GIOVANNI
BALDUCCI

INGEGNERE
EDILE

Obiettivi

Lo studio Giovanni Balducci opera nel rispetto dell'etica professionale con riferimento al codice deontologico.

 

CODICE DEONTOLOGICO E NORME DI ATTUAZIONE 
approvati dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Ancona 
nella seduta di Consiglio del 14 febbraio 2008 
 
 
CODICE DEONTOLOGICO 
 
1 - PRINCIPI GENERALI 
 
1.1 La professione di ingegnere deve essere esercitata 
nel rispetto delle leggi dello Stato, dei principi 
costituzionali e dell’ordinamento comunitario. 
La professione di ingegnere costituisce attività di 
pubblico interesse. 
L'ingegnere è personalmente responsabile della 
propria opera e nei riguardi della committenza e nei 
riguardi della collettività. 
 
1.2 Chiunque eserciti la professione di ingegnere in 
Italia, anche se cittadino di altro Stato, è impegnato a 
rispettare e far rispettare il presente codice 
deontologico finalizzato alla tutela della dignità e del 
decoro della professione. 
 
1.3 Le presenti norme si applicano per le prestazioni 
professionali rese in maniera sia saltuaria che 
continuativa. 
 
1.4 L'ingegnere adempie agli impegni assunti con cura 
e diligenza, non svolge prestazioni professionali in 
condizioni di incompatibilità con il proprio stato 
giuridico, né quando il proprio interesse o quello del 
committente siano in contrasto con i suoi 
doveri professionali. 
L'ingegnere rifiuta di accettare incarichi per i quali 
ritenga di non avere adeguata preparazione e/o quelli 
per i quali ritenga di non avere adeguata potenzialità 
per l'adempimento degli impegni assunti. 
 
1.5 L'ingegnere sottoscrive solo le prestazioni 
professionali che abbia personalmente svolto e/o 
diretto; non sottoscrive le prestazioni professionali in 
forma paritaria, unitamente a persone che per norme 
vigenti non le possono svolgere. 
L'ingegnere sottoscrive prestazioni professionali in 
forma collegiale o in gruppo solo quando siano 
rispettati e specificati i limiti di competenza 
professionale e di responsabilità dei singoli membri del 
collegio o del gruppo. 
Tali limiti dovranno essere dichiarati sin dall'inizio 
della collaborazione. 
 
1.6 L'ingegnere deve costantemente migliorare ed 
aggiornare la propria abilità a soddisfare le esigenze 
dei singoli committenti e della collettività per 
raggiungere il miglior risultato correlato ai costi e alle 
condizioni di attuazione. 
 
 
 

Obiettivi